THOR – La leggenda del dio del lampo nordico

Thor (norreno RRR, Old English orunor, vecchio donar tedesco, protogermanisch * razunraz, “Thor” è uno dei più famosi personaggi della mitologia norrena. Era la divinità di tutti i rami del tedesco prima si convertì al cristianesimo, anche se ha raggiunto l’apice della sua popolarità tra gli scandinavi di epoca vichinga.

Il dio guerriero per eccellenza

Thor, il potente dio del tuono, è l’archetipo di un guerriero leale e rispettoso cui ideali ricercati dai combattenti umani. E ‘stato il difensore degli dei implacabili di Aesir e la loro fortezza Asgard prima le rivolte dei giganti (anche se non sempre) erano di solito i nemici degli dei.

Niente è più adatto a questo compito di Thor. Il suo coraggio e il senso di responsabilità erano incrollabili e la sua forza fisica era difficile da battere. Ha anche una cintura di potere senza nome (Megingjarðar Tua Norse), che rende il suo potere due volte più forte quando indossa la cintura. La sua proprietà più famosa, tuttavia, è l’Hammer Mjöllnir (“Lightning”). Raramente va da qualche parte senza. Per la Scandinavia pagana, il fulmine, come il tuono dell’incarnazione di Thor, è la manifestazione di un gigante che uccide un martello mentre cavalca un cavallo trainato da capre nel cielo. (Naturalmente, non pensano che stia cavalcando fisicamente una carrozza trainata da capre – come gli altri nella mitologia tedesca, questo è un simbolo per esprimere la realtà invisibile,

Il nemico speciale di Thor è Jormungand, il serpente marino gigante che circonda Midgard, il mondo della civiltà umana. In un mito tentò di strappare Jormungand dal mare durante una battuta di pesca e fu fermato solo quando il suo enorme collega tagliò la lenza dalla paura. Thor e Jormungand finalmente si affrontano durante il Ragnarok quando i due finiscono insieme.

Data la sua sempre vigile protezione del cosmo nord-europeo precristiano dalla forza del caos, la distruzione e l’entropia rappresentate dai giganti, è ironico che Thor stesso fosse composto da tre enormi quartieri. Suo padre Odino era mezzo gigante e sua madre con nomi diversi, Jord (la “terra” norrena), Hlö, yn o Fjörgyn, proveniva da enormi antenati. Tuttavia, tali linee sono molto comuni tra gli dei e mostrano che la relazione tra dei e giganti, tesa e piena di liti, non può essere ridotta all’ostilità da sola.

santo

Le sue attività divine si riflettono nelle sue attività nel campo umano (Midgard), dove è indirizzato da coloro che hanno bisogno di protezione, consolazione, benedizioni e santità di luoghi, oggetti ed eventi. Molte iscrizioni segrete superstiti lo chiamarono per santificare le intenzioni e le intenzioni, e fu chiamato a santificare il matrimonio. (La storia di Thor che si traveste da sposa testimonia, tra le altre cose.) I primi coloni islandesi gli chiesero di pulire la loro terra prima di costruire o piantare colture.

Il Martello Thor può essere usato per isolare non appena può essere usato per distruggerlo – e fondamentalmente queste due proprietà sono una e la stessa cosa, dato che ogni volta che lo pulite, devi disporre di forze o elementi nemici. Grazie al matrimonio, ad esempio, è fatto da un martello. Forse il caso più eclatante, tuttavia, è la capacità di uccidere e mangiare capre che viaggiano sui loro treni, raccogliere le loro ossa sulla pelle, benedire la loro pelle con i martelli e riportare gli animali in vita sani e vitali come sono prima.

Fertilità e agricoltura

Oltre al suo ruolo di modello soldato e difensore dell’ordine pubblico e delle ambizioni, Thor ha anche svolto un ruolo importante nella promozione dell’agricoltura e della fertilità (come suggerito dalla sua benedizione sulla terra dove si insediarono i primi islandesi). Questa è un’altra espansione del suo ruolo di dio del cielo, che è principalmente legato alla pioggia, che consente la crescita delle piante.

Come lo storico tedesco di Brema Adam dell’11 ° secolo osservava: “Thor guida l’aria, regolando tuoni e fulmini, vento e pioggia, clima sereno e piante.” Sua moglie, che viene raramente menzionata, Sif, è famosa per i suoi capelli d’oro Tutto ciò che è certamente un simbolo del campo di grano. Pertanto, il loro matrimonio è un esempio di ciò che gli storici religiosi chiamano il “geroglifico” (il matrimonio divino) che avviene, specialmente tra gli Indoeuropei in generale, tra gli dei celesti e la dea della terra. La fertilità della terra e la prosperità della gente insieme sono il risultato dell’unione sessuale tra cielo e terra.

Il ruolo di Thor nel mondo sociale dei vichinghi

Attraverso prove archeologiche, il culto di Thor può essere fatto risalire all’età del bronzo, e la loro adorazione ha subito molti cambiamenti nello spazio e nel tempo. Tuttavia, una caratteristica che rimase costante dall’età del bronzo fino all’era vichinga fu il ruolo di Thor come la principale divinità del secondo grado o “funzione” della gerarchia sociale a tre livelli della società tradizionale europea – la funzione dei soldati e il potere militare. (La prima funzione è sovrano e sovranità, e la terza funzione è l’agricoltore e la fertilità).

Thor sembra sempre avere una stretta relazione con la terza funzione e anche con la seconda funzione, e durante l’era vichinga, un tempo di grande confusione e innovazione sociale, questa relazione con la terza funzione sembra essersi intensificata. Questo lo rese la principale divinità dei cittadini della Scandinavia e delle colonie vichinghe.

Questo ruolo può essere chiarito confrontando Thor con un dio che in realtà è il suo avversario funzionale: Odino. Odino è la divinità più importante chiamata da governanti, esuli e persone “d’élite” di ogni tipo. I principali valori di Odin sono molto chiari: estasi, conoscenza, potere magico e agenzie creative. Sono in netto contrasto con le virtù più semplici di Thor.

Edda e le storie descrivono la relazione tra le due divinità come spesso spiacevole. Ad un certo punto Odin Thor si fa beffe: “Odino è un nobile che è morto in battaglia, ma Thor è il suo schiavo”. In un altro episodio, Odino benedice il suo eroe preferito, Starkaðr, e ogni benedizione è la stessa. attraverso la maledizione di Thor. Nell’esempio più accurato, Odino fornì aiuto alla nobiltà e ai governanti, mentre Thor spiegò che sarebbe sempre stato deriso dalla gente comune.

A causa del cambiamento demografico, in cui la seconda e la terza funzione sono in gran parte indistinguibili l’una dall’altra, la superiorità di Thor sembra essere aumentata nel corso dell’età vichinga (circa 793-1000 d.C.) a spese di Odino. Le fonti tardive descrivono Thor come il più importante di tutti Aesir, una dichiarazione che sarebbe piuttosto ridicola prima dell’età vichinga, quando le controparti di Odino, Anglo-Saxon e Continental occupavano quella posizione.

Questa tendenza non è così pronunciato in Islanda, che è stato originariamente abitato nel 9 ° secolo di invasori fattoria in fuga un governo oppressivo e arbitraria re norvegesi che adoravano Odino. Le storie sono piene di forti esempi di Thor di culto tra gli islandesi, e Landnámabók, dell’Islanda “Libro degli insediamenti” hanno circa un quarto dei quattro mila persone che sono menzionati nella storia, il nome di Thor o di una chiara allusione a lui. da qualche parte con il proprio nome. Famoso vecchio studioso norvegese EOG Turville-Petre riassume mirabilmente: “In queste fonti [della fine del islandesi Vikings] Thor è apparso non solo come la divinità principale dei coloni, ma anche come protettore e guardiano dell’insediamento se stessi, la loro stabilità e la loro diritto.”

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *